In evidenza

Telefono Donna 

è nato l'8 marzo 1992, per iniziativa di Stefania Bartoccetti. Tramite l'ascolto telefonico ha offerto il suo aiuto alle donne e alle famiglie in difficoltà, affrontando i più disparati tipi di disagio: dalla crisi esistenziale, a quella domestica, alla depressione alla solitudine, dai problemi di comunicazione all'interno e al di fuori della famiglia, ai problemi di ordine legale o psicologico legati alla separazione o al divorzio, fino ai casi di maltrattamento e di violenza psicologica.


grafico

Oltre 91.000 casi

provenienti da tutta Italia, sono stati risolti grazie all'intervento delle volontarie e delle specialiste dedicate al servizio.

E' un'associazione

di volontariato regolarmente iscritta al registro regionale dedicato, oltre a quello di solidarietà familiare, fa parte del CNDI (Consiglio Nazionale Donne Italiane) ed è affiliata del Conseil International des Femmes (ONU). La sede di ascolto è ubicata all'interno dell'Azienda Ospedaliera Niguarda Ca' Granda di Milano per fornire, oltre ai consueti servizi, una puntuale assistenza specialistica per qualsiasi richiesta sanitaria.
 
img1I gruppi di auto-aiuto sono sempre più riconosciuti come una metodologia praticabile ed efficace che integra ed estende l'attuale sistema di cura sanitaria e della salute mentale. Discutere insieme ad altri, problemi che individualmente non trovano la giusta comprensione, permette di fronteggiare situazioni che prima si subivano. Sono nati con lo scopo di favorire supporto alle situazioni legate alle forme diverse del maltrattamento, ma anche per supportare aspetti depressivi, attacchi di panico, mancanza di autostima, disturbi alimentari, convivenza con familiari difficili.

I gruppi di auto-aiuto sono formati da persone che condividono il medesimo problema, la stessa situazione stressante di vita o la stessa crisi. Non sono gruppi terapeutici, né sono solo gruppi ricreativi, sociali, ecc.

Il gruppo fornisce supporto, incoraggiamento, informazione e strategie per affrontare contesti e persone senza sentirsi più sopraffatti. Essi incoraggiano le persone comuni, la costruzione della comunità, l'azione per la valorizzazione dell'autostima e promuovono la salute mentale e il benessere, riducono il sentimento di isolamento quando si incontrano problemi inattesi o cronici.

Nel gruppo di auto-aiuto i diversi membri offrono l'un l'altro sostegno psicologico, imparano nuovi modi per fronteggiare i problemi, scoprono strategie per migliorare le loro condizioni e, nell'aiutare se stessi, aiutano gli altri.

Nei gruppi di auto-aiuto le persone incontrano individui molto simili a sé e che sono capaci di condividere conoscenze pratiche, raggiunte attraverso il comune confronto con altre persone.
Per la loro efficacia, i gruppi di auto-aiuto sono definiti un movimento sociale emergente e sono sempre più riconosciuti come una metodologia praticabile ed efficace che integra ed estende l'attuale sistema di cura sanitaria e della salute mentale.

I gruppi di auto-aiuto sono coordinati dalle operatrici di Telefono Donna che hanno seguito un apposito corso di formazione.